Numeri verdi regionali

Le Regioni hanno attivato numeri dedicati per rispondere alle richieste di informazioni e sulle misure urgenti per il contenimento e la gestione del contagio del nuovo coronavirus in Italia:

    Altri numeri utili dedicati all'emergenza nuovo coronavirus: Abruzzo

    Nella Regione Abruzzo per l’emergenza sanitaria sono attivi i seguenti numeri:

    Liguria
    • Nella Regione Liguria è attivo il numero di emergenza coronavirus 112
    Molise Piacenza
    • Nel Comune di Piacenza per informazioni contattare il 0523 317979 attivo dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 18 e il sabato dalle 8 alle 13
    Numero di pubblica utilità 1500
    • Attivo anche il numero di pubblica utilità 1500 del Ministero della Salute
    Numero unico di emergenza Contattare il 112 oppure il 118 soltanto se strettamente necessario
     

    Vaccini, l’Ue tiene i contratti nascosti nella stanza dei segreti

    Vaccini, l’Ue tiene i contratti nascosti nella stanza dei segreti

    Solo 45 minuti di tempo, senza telefoni, fotografie o bloc notes per prendere appunti. Guardati a vista da un controllore. La Commissione europea apre uno spiraglio nel mistero dei contratti tra aziende farmaceutiche ed Ue sui vaccini anti-Covid, senza però esagerare con la trasparenza. Sarà a disposizione degli europarlamentari solo un accordo, quello con CureVac, che non ha neppure ancora ottenuto l’autorizzazione al suo siero, e al documento verrà comunque garantita la “massima confidenzialità”. I parlamentari potrebbero pure imparare a memoria il testo, se vi riuscissero, ma dovranno comunque firmare un accordo di riservatezza, promettendo di non divulgare quanto leggeranno. A meno di deputati pronti a rompere il segreto, dunque, l’opinione pubblica nulla saprà del patto di acquisto anticipato tra Bruxelles e Big Pharma.

    Ad annunciare la “disclosure sui primi contratti” è stata ieri la capo negoziatrice Ue sui vaccini, Sandra Gallina, in occasione della riunione in commissione Salute dell’Europarlamento. I parlamentari chiedevano da tempo “maggiore chiarezza e trasparenza”, non solo sui contratti, ma anche sul “processo decisionale a livello Ue”. Sono stati in parte accontentati. La reading room è stata aperta ieri in Rue Belliard nell’edificio della direzione generale Sanità: tre giorni di lettura, fino a venerdì, per sole quattro ore al giorno. Poi si punta a garantire aperture aggiuntive, in base alle domande che arriveranno. Bruxelles, ha fatto sapere Gallina, sta “raccogliendo i nomi” di chi è intenzionato a vederci chiaro. “I negoziati stanno continuando – ha detto – ma diamo disclosure sui primi contratti, a mano a mano che diventeranno disponibili”. Già, perché a decidere se rendere pubblico o meno il documento non è la Commissione (“noi non abbiamo problemi con la trasparenza”), ma le stesse aziende farmaceutiche. “Penso che sia un passo molto importante – ha spiegato la dg – naturalmente è un inizio, perché spero che le altre compagnie acconsentiranno, a poco a poco, a dare trasparenza anche ai loro contratti”. Accadrà davvero? Per ora ci tocca ringraziare il buon cuore di CureVac. Ma perché la Commissione ha concesso ai colossi farmaceutici tanta segretezza?

    I nodi da sciogliere sui contratti con Big Pharma sono tanti. Non solo il prezzo, che ad oggi resta un segreto. Ma anche i nomi dei negoziatori, la sicurezza e la rapidità nelle consegne. Fino al capitolo più spinoso, cioè quello sulla responsabilità: chi pagherà le conseguenze, legali e finanziarie, nel caso in cui il vaccino avesse effetti collaterali imprevisti? Il processo di scoperta, realizzazione e produzione del siero è stato incredibilmente veloce: mai successo prima che in così pochi mesi si arrivasse ad un risultato. I dati e l’Ema certificano la sicurezza dei prodotti, ma gli imprevisti sono sempre dietro l’angolo. Il dardo lo ha scagliato il responsabile per la salute del Ppe, Peter Liese, della Cdu tedesca: “Vogliamo un vaccino il più velocemente possibile e per più persone possibili – ha detto – ma anche un vaccino che sia sicuro. E purtroppo c’è stato un problema che non è stato discusso abbastanza in pubblico”. Di che si tratta? ”Sono convinto – ha aggiunto Liese – che il problema con Pfizer, tra agosto e novembre, era che non volevano accettare responsabilità, anche nel caso in cui avessero commesso loro un errore”. Il deputato tedesco sostiene di aver parlato con dipendenti di Pfizer e BionTech e di avere dunque accesso a informazioni riservate. Pare infatti che i contratti con Big Pharma contengano delle clausole di manleva che esonerano le aziende farmaceutiche da ogni responsabilità giuridica in caso di effetti collaterali imprevedibili e imprevisti del siero. Il peso dei danni dovrebbe quindi ricadere sull’Ue o sugli Stati membri, acquirenti del siero anti Covid, e non sui produttori. Le aziende verrebbero chiamate a risponderne solo nel caso in cui abbiano nascosto i dati.

    I parlamentari che ieri hanno letto i contratti non hanno però trovato risposte alle loro innumerevoli domande. Come spiegato a politico.eu dal presidente della commissione per la Salute, Pascal Canfin, la maggior parte dei cinque punti più critici sono stati cancellati, parzialmente cancellati o non inclusi nelle 60 pagine messe a disposizione. Un’orgia di omissis. Nessuna risposta sul prezzo, sull’acconto versato dall’Ue, sul numero di dosi da fornire ogni trimestre e sui siti di produzione dei vaccini. Alla manleva, invece, sono dedicati sei paragrafi. Di cui due oscurati. Alla faccia della trasparenza.

    Sorgente notizia: https://www.ilgiornale.it/ Vai all’articolo originale

    Facebook Comments

    Nessun commento

    Lascia un commento

    Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la privacy.

    Cookie settings

    Below you can choose which kind of cookies you allow on this website. Click on the "Save cookie settings" button to apply your choice.

    FunctionalOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

    AnalyticalOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

    Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

    AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

    OtherOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.