Numeri verdi regionali

Le Regioni hanno attivato numeri dedicati per rispondere alle richieste di informazioni e sulle misure urgenti per il contenimento e la gestione del contagio del nuovo coronavirus in Italia:

    Altri numeri utili dedicati all'emergenza nuovo coronavirus: Abruzzo

    Nella Regione Abruzzo per l’emergenza sanitaria sono attivi i seguenti numeri:

    Liguria
    • Nella Regione Liguria è attivo il numero di emergenza coronavirus 112
    Molise Piacenza
    • Nel Comune di Piacenza per informazioni contattare il 0523 317979 attivo dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 18 e il sabato dalle 8 alle 13
    Numero di pubblica utilità 1500
    • Attivo anche il numero di pubblica utilità 1500 del Ministero della Salute
    Numero unico di emergenza Contattare il 112 oppure il 118 soltanto se strettamente necessario
     

    Massimo Galli: “Sono un menagramo? Chiusure per 4 settimane”

    Massimo Galli: “Sono un menagramo? Chiusure per 4 settimane”

    Massimo Galli non ci sta e insiste. La preoccupazione del primario del reparto di malattie infettive all’ospedale Sacco di Milano è in aumento. Le varianti si stanno diffondendo con rapidità, quella inglese diverrà a breve prevalente e nel frattempo anche le altre iniziano a emergere dalle analisi effettuate nei laboratori. Per Galli, l’Italia si troverebbe in una sorta di quiete instabile prima di una tempesta, che arriverà se non vengono prese misure maggiormente coercitive per la diffusione del coronavirus. Intervistato da Il Messaggero, il primario non ci sta a passare per allarmista: “Io parlo sempre a ragion veduta, dico che ci sono le varianti e mi rispondono che sono un menagramo. Mi fate fare sempre la figura della Cassandra, come se a me facesse piacere“.

    Il primario del Sacco di Milano è uno degli esperti più votati al rigore nel contenimento del coronavirus. Certo non è l’unico, perché anche Andrea Crisanti di recente ha confermato le parole del decano di malattie infettive dell’ospedale lombardo, al contrario di altri medici come Matteo Bassetti che, invece, considerano non necessario aumentare le misure fino al lockdown. “Che io sia preoccupato è evidente. Che la tendenza sia cambiata, in senso negativo, è altrettanto evidente. La ripartenza del contagio in buona parte l’effetto della variante. E non solo di quella inglese. A Viggiù è stata trovata anche quella scozzese“, ha spiegato Galli a Il Messaggero. Il tema varianti è un argomento molto caldo e per il primario è cruciale prenderlo in considerazione in maniera seria per fermare l’onda lunga di uno tsunami che si intravede all’orizzonte: “Se la variante inglese, come probabile, si sta affermando e ha una velocità di trasmissione del 40 per cento più alta, ora c’è da aspettarsi un incremento notevole. E le ricordo che abbiamo avuto i fine settimana in giallo e questo non ci ha aiutato“.

    Massimo Galli è concorde con Walter Ricciardi, che una settimana fa ha spaventato l’Italia con la sua richiesta di lockdown duro e totale, come a marzo, “per il tempo necessario”. Il primario del Sacco di Milano, alla luce del nuovo scenario epidemiologico, infatti, boccia il sistema dei colori, lento e farraginoso in un momento in cui è necessario essere rapidi e snelli: “Purtroppo i casi di oggi sono i casi di oggi e influiranno troppo tardi sulle nuove misure determinate dai colori. Quando sei con un Rt attorno a 1, un po’ di più o un po’ di meno, non sei in sicurezza. La dico in un altro modo: a fare l’agenda è ancora il virus, invece noi speravamo di dettarla noi. Il virus decide per noi“.

    Per il momento è stato deciso di creare nel Paese zone rosse circoscritte, non dure come accadde esattamente un anno fa a Cologno ma con maggiore libertà di movimento. I contagi nel Paese da qualche settimana si mantengono stabili e non è un buon segno: “Mi sembra che tutti i dati vadano nella direzione dell’incremento dei nuovi casi. C’è chi vorrebbe mettere la museruola ai virologi, ma per onestà intellettuale e per la competenza specifica non posso che ribadire che la situazione è in peggioramento. Rischi sempre di essere messo in croce come è successo al collega Ricciardi. C’è quella determinata parola che non si può pronunciare e che invece ora servirebbe“.

    Per evitare polemiche, a differenza del suo collega, Massimo Galli non rinuncia mai la parola lockdown ma a quella si riferisce quando parla di “chiusure per 3-4 settimane“, che non devono però essere l’unica misura. “Serve anche mostrare alla gente che si sta vaccinando velocemente. Il fatto che oggi manchino le dosi è un problema. Bisogna anche puntare sulla produzione in Italia dei vaccini su licenza, perché è prevedibile che la campagna di immunizzazione andrà ripetuta per diversi anni“, ha spiegato Massimo Galli, secondo il quale è necessario che tutti i Paesi ricevano il vaccino, perché solo così si sconfiggerà davvero il virus.

    Sorgente notizia: https://www.ilgiornale.it/ Vai all’articolo originale

    Facebook Comments

    Nessun commento

    Lascia un commento

    Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la privacy.

    Cookie settings

    Below you can choose which kind of cookies you allow on this website. Click on the "Save cookie settings" button to apply your choice.

    FunctionalOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

    AnalyticalOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

    Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

    AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

    OtherOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.