Numeri verdi regionali

Le Regioni hanno attivato numeri dedicati per rispondere alle richieste di informazioni e sulle misure urgenti per il contenimento e la gestione del contagio del nuovo coronavirus in Italia:

    Altri numeri utili dedicati all'emergenza nuovo coronavirus: Abruzzo

    Nella Regione Abruzzo per l’emergenza sanitaria sono attivi i seguenti numeri:

    Liguria
    • Nella Regione Liguria è attivo il numero di emergenza coronavirus 112
    Molise Piacenza
    • Nel Comune di Piacenza per informazioni contattare il 0523 317979 attivo dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 18 e il sabato dalle 8 alle 13
    Numero di pubblica utilità 1500
    • Attivo anche il numero di pubblica utilità 1500 del Ministero della Salute
    Numero unico di emergenza Contattare il 112 oppure il 118 soltanto se strettamente necessario
     

    “Attesi 25mila contagi al giorno”. La data che spaventa i virologi

    “Attesi 25mila contagi al giorno”. La data che spaventa i virologi

    Venticinquemila contagi al giorno. Secondo quanto riporta l’edizione odierna de Il Messaggero, sarebbe questa la media dei casi Covid-19 stimata dagli esperti dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) in previsione dell’ennesimo picco epidemiologico. La nuova impennata è stata messa da conto per marzo ma, è bene precisarlo, si tratta solo di una proiezione statistica. Tuttavia, i virologi già profilano scenari apocalittici. “Il contagio sta ripartendo, la variante inglese è arrivata“, tuona il professor Massimo Galli, direttore di Malattie infettive dell’Ospedale Sacco di Milano.

    La simulazione: “25mila contagi giornalieri”

    C’è una data clou: marzo. A detta degli esperti Iss, d’accordo con i membri del Comitato tecnico scientifico, nelle prossime settimane ci sarà un incremento sensibile dei contagi con picchi di ben 25mila casi giornalieri. La simulazione è stata imbastita sulla base degli ultimi rilevamenti relativi alla circolazione della variante inglese nel nostro Paese. Stando ai risultati preliminari della flash survey, l’indagine condotta dall’Iss e dal ministero della Salute, la stima di prevalenza della cosiddetta “mutazione B117” è pari a 17,8% negli 852 campioni analizzati dai laboratori regionali. Come ben ricorda Il Messaggero, la variante inglese viaggia ad una velocità molto più sostenuta delle altre “affini” ed è per questo motivo che i virologi temono una nuova impennata di positivi già nelle prossime settimane. Sta arrivando un altro urgano?

    I numeri attuali dei contagi

    Ad oggi, l’Rt medio nazionale è a un passo dalla soglia di livello critico 1 – 0,99 per la precisione – con alcune aree regionali collocabili in uno scenario di “rischio elevato” (Pescara, Chieti, Colleferro). E la situazione non sembra destinata a migliorare. I dati del fine settimana sembrerebbero provare che la risalita dei contagi è già cominciata ma bisognerà attendere il prossimo report dell’Iss per averne conferma definitiva. Nell’ultimo fine settimana, dunque tra il 19 e il 21 febbraio, sono stati registrati 43.862 nuovi casi positivi con questo andamento: 15.479 venerdì, 14.931 sabato, 13.452 ieri. Non tragga in inganno il fatto che apparentemente i numeri siano in discesa perché, ormai è un dato di fatto, sabato e domenica hanno sempre dati più bassi. Se per il confronto prendiamo il fine settimana precedente (tra il 12 e il 14 febbraio) possiamo appurare che i nuovi casi positivi sono stati 38.505) con questa successione: venerdì 12 13.908, sabato 13 13.532 e domenica 14 11.068. In sintesi: questo fine settimana ha avuto 5.357 casi positivi in più con un incremento del 14 per cento. Per gli esperti si tratta dell'”effetto boomerang” della variante inglese. Ma è davvero così?

    La pressione sugli ospedali

    Se c’è un rischio da scongiurare a dita incrociate è che ci si ritrovi nella medesima situazione dello scorso marzo, quando gli ospedali erano a un passo dal collasso per via dell’ingente numero di ricoveri. Attualmente, la situazione sembrerebbe ancora sotto controllo sebbene sia scattata l’allerta in alcune aree regionali. Ad esempio in Abruzzo, dove il tasso di occupazione dei posti letto di rianimazione ha già raggiunto il 40,2 per cento. In Molise, a Termoli (Campobasso) sarà allestito un ospedale da campo della Croce rossa. In generale, però, l’effetto della nuova impennata di contagi sui posti letto occupati è ridotto: domenica 14 febbraio, in Italia, erano 20.534 (di cui 2.085 in terapia intensiva); ieri erano meno, 19.898, ma con un incremento rispetto a sette giorni prima delle terapie intensive (2.094). Tuttavia, i virologi temono che la pressione sulle strutture sanitarie locali possa aumentare di misura nel mese di marzo. Dunque, come arginare un eventuale flusso di ospedalizzazioni? “Sicuramente – dichiara un esperto che preferisce restare nell’anonimato al Messaggerole zone rosse locali per fermare le varianti sono utili, ma sono troppo leggere, servirebbero chiusure molto più rigorose“.

    Sorgente notizia: https://www.ilgiornale.it/ Vai all’articolo originale

    Facebook Comments

    Nessun commento

    Lascia un commento

    Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la privacy.

    Cookie settings

    Below you can choose which kind of cookies you allow on this website. Click on the "Save cookie settings" button to apply your choice.

    FunctionalOur website uses functional cookies. These cookies are necessary to let our website work.

    AnalyticalOur website uses analytical cookies to make it possible to analyze our website and optimize for the purpose of a.o. the usability.

    Social mediaOur website places social media cookies to show you 3rd party content like YouTube and FaceBook. These cookies may track your personal data.

    AdvertisingOur website places advertising cookies to show you 3rd party advertisements based on your interests. These cookies may track your personal data.

    OtherOur website places 3rd party cookies from other 3rd party services which aren't Analytical, Social media or Advertising.